Organizzazione e tecnologie

Il presidio dell’evoluzione del modello organizzativo del Gruppo, con riferimento a strutture organizzative, dimensionamenti e processi è assicurato dalla funzione Organizzazione e ICT.

Nel 2012 è proseguita l’evoluzione della struttura organizzativa della Banca che, a fine 2011, aveva inglobato le attività della ex Toscana Finanza e, nel corso del 2012 anche quelle di Fast Finance S.p.A. in seguito alle rispettive fusioni per incorporazione.

La conseguente riorganizzazione della struttura ha portato alla creazione di apposite aree di business specialistiche, integrando le strutture di servizio e le funzioni di rischio delle apposite competenze. In particolare, per il mercato tradizionale della Banca, legato al finanziamento alle PMI, si è provveduto a riorganizzare l’area crediti, l’area gestionale ed il contenzioso e ad introdurre l’area BU Pharma con l’obiettivo di una migliore fidelizzazione del cliente ed una migliore gestione delle partite problematiche; per l’area crediti di difficile esigibilità si è provveduto ad innovare le modalità legate al recupero del credito introducendo specifiche novità operative che avranno ulteriori sviluppi anche nel corso del 2013; per l’area raccolta retail si è provveduto a riorganizzare l’intero servizio al fine di supportare il nuovo prodotto contomax.

Sono inoltre stati realizzati interventi di razionalizzazione del modello organizzativo e delle attività operative affidate alle filiali, ottimizzando l’organizzazione del lavoro attraverso una redistribuzione di attività tra periferia e sede centrale con conseguenti miglioramenti sotto il profilo di tipo operativo.

Nell’ambito della regolamentazione normativa, in seguito alle predette fusioni, sono state introdotte le nuove procedure relative alla gestione dei crediti di difficile esigibilità e dei crediti fiscali, oltre alla revisione dei principali regolamenti (regolamento di gruppo, regolamento generale, regolamento del dirigente preposto, ecc.) e le principali procedure interne, con l’obiettivo di supportare le novità normative e le innovazioni organizzative e di prodotto.

Come ogni anno, sono stati rivisti i contratti di servizio per le attività esternalizzate al fine di adeguarli alle evoluzioni delle attività operative; migliorando, ove necessario, anche gli indicatori di performance (KPI) dei servizi erogati.

Come ogni anno si è provveduto all’aggiornamento del Documento Programmatico sulla Sicurezza così come previsto dall’art. 34 del D.Lgs. 196/03 -“Codice in materia di protezione dei dati personali”.

Banca IFIS si avvale di un sistema informativo che comprende le applicazioni a supporto dei prodotti gestiti, del canale Internet, oltre, naturalmente a tutte le applicazioni di governo amministrativo/finanziario, contabile e normativo. La posizione di leadership e la vocazione innovativa della Banca rendono indispensabile non solo poter gestire in modo efficiente i servizi maturi, ma anche abilitare l’innovazione finanziaria e di servizio con una “macchina operativa” adeguata allo standing dei suoi clienti. A livello organizzativo questo si ottiene attraverso la gestione “in house” delle attività core per il business (le applicazioni per la gestione della clientela factoring, per la raccolta retail, per i crediti non performing e per i crediti erariali) e l’esternalizzazione a vari outsourcer delle restanti attività, ove maggiori sono le sinergie ed i benefici ottenibili.

Nel corso del 2012 è continuato il potenziamento della struttura organizzativa della funzione Sistemi Informativi al fine di renderla coerente con le evoluzioni del business. Di seguito le principali iniziative progettuali consolidate nel 2012:

  • Introduzione di JDE come sistema contabile della Banca e del Gruppo, con conseguente razionalizzazione delle risorse dedicate;
  • Sviluppo del sistema relativo all’Anagrafe di Gruppo utile per identificare in modo univoco le anagrafiche dei clienti censiti nei vari sistemi gestionali ottenuti a seguito delle fusioni occorse nell’anno; la procedura provvede inoltre ad aggregare le posizioni di rischio sottostanti in modo da garantirne il controllo in tempo reale;
  • Sviluppo del cantiere relativo al nuovo sistema informativo gestionale dedicato al factoring. Il rilascio in produzione del nuovo applicativo, previsto nel corso del 2013, consentirà alla Banca di accrescere le proprie linee di prodotto specifiche per il supporto alle PMI;
  • Conclusione del cantiere dedicato al Contenzioso per un maggior controllo delle attività interne ed esterne nonché una migliore razionalizzazione dei processi gestionali e operativi;
  • Sviluppo del prodotto di conto corrente on-line contomax;
  • Acquisizione e integrazione nel sistema informativo della piattaforma per la profilatura della clientela ai fini del calcolo del rischio di riciclaggio;
  • Sviluppo del cantiere relativo a un “Sistema Esperto” in grado di fornire indicazioni automatizzate sulla controparte analizzata, a partire dalle informazioni di Bilancio e Centrale Rischi;
  • Sviluppo delle implementazioni dovute alle innovazioni di processo per la gestione dei crediti di difficile esigibilità e dei crediti erariali. 

Infine, nel corso del 2012 sono state effettuate le consuete prove tecniche architetturali e applicative di Business Continuity e di Disaster Recovery dei sistemi gestionali della Banca, ove è stato ampliato il perimetro di continuità operativa a tutte le applicazioni core. I test sono stati effettuati con la presenza dell’Internal Audit.

 

Gruppo Banca IFIS
  • Mondo PMI
  • youtube
  • Facebook
  • Twitter
  • slideshare
  • Linkedin
  • sr.png