Commento dell’Amministratore Delegato

Un gruppo solido e con buone prospettive di crescita, che ha realizzato un anno di discontinuità con il passato, l'anno migliore dalla sua nascita: è questo il ritratto del 2012 di Banca IFIS, Istituto che sta costruendo il proprio futuro con determinazione, con l'obiettivo di scrivere una nuova piccola pagina di quel libro sempre incompiuto che racconta il ruolo delle banche nella vita del nostro Paese.

I risultati raggiunti, a partire dal rafforzamento del Patrimonio della Banca ottenuto senza alcun aumento di capitale, ci rendono fieri e consapevoli che in ogni settore, in ogni contesto ci sono opportunità che solo con menti libere da ogni pregiudizio e vera analisi critica possono essere colte e trasformate in nuove rampe di lancio.

In questo scenario siamo consapevoli del salto dimensionale che siamo stati in grado di produrre, delle potenzialità a cui possiamo aspirare, delle nuove situazioni a cui possiamo guardare con risposte nuove ma anche del grande e fermo senso di responsabilità necessario nell'affrontare sfide difficilmente prevedibili.

Banca IFIS sa riconoscere il buon lavoro nei soggetti che finanzia e deve continuare incessantemente a selezionarli confermando l’impegno verso le imprese virtuose. La Banca sostiene lo sviluppo, non lo crea. La Banca affianca l’impresa che lavora in modo virtuoso, non fa scelte al posto dell’imprenditore. La Banca infine sceglie se intervenire nel presupposto di aiutare chi merita e di respingere chi non è meritevole. Questo è il compito di Banca IFIS, che la porterà a crescere rapidamente tra i primi cinque player del mercato nazionale.

Tutto questo grazie all’attenzione verso le imprese che innovano e che esportano, verso quelle che presentano crediti verso la Pubblica Amministrazione e con un occhio di riguardo nel favorire il completamento delle procedure concorsuali, liberandole dei crediti verso l’Erario e contribuendo ad accelerare il rientro in circolo di risorse capitali importanti per lo sviluppo.

Grandi innovazioni per l’area di business NPL, concentrata sulla gestione delle posizioni verso controparti che sono famiglie spesso in difficoltà. Nuovi strumenti e processi prenderanno forma progressivamente nell’anno, e la ricerca di soluzioni sostenibili condurrà ad un rafforzato impegno verso le centinaia di migliaia di persone verso le quali la Banca vanta un credito. Sostenibilità, serietà, reciproco rispetto, saranno le parole d’ordine della presenza del Gruppo nel settore del recupero dei crediti di difficile esigibilità dove moltissimo può essere fatto per migliorare la qualità della vita di chi ha avuto o ha una situazione finanziaria difficile, spesso per ragioni estranee alla specifica volontà.

Nuove sfide sulla raccolta retail: la più delicata è il lancio del conto corrente crowd contomax che affianca il conto deposito rendimax e ci permetterà di offrire qualcosa di totalmente nuovo ai nostri clienti in un rapporto semplice e leale. Eccellenza di servizio, efficienza interna che significa costi industriali di prodotto ridotti al minimo, innovazione dell’offerta, sono e rimarranno i pilastri della nostra raccolta.

Le prime settimane del 2013 sono allineate in termini di contesto e performance alle ultime del 2012.

Il nostro impegno e il nostro supporto al sostegno della ripresa economica rimangono immutati: ci auguriamo che il 2013 sia l'anno in cui chiunque possa aspirare ad affermarsi con duro lavoro, impegno, talento, visione.

 

Gruppo Banca IFIS
  • Mondo PMI
  • youtube
  • Facebook
  • Twitter
  • slideshare
  • Linkedin
  • sr.png